Menu Principale
Chi è online
 20 visitatori online
Statistiche
Tot. visite contenuti : 1097867
ARS NOTIZIE - Prima Pagina
LE DOMANDE DI ROBERTO FARINA

Luisito dimmi se ho capito bene il comunicato stampa del Comune. Il Consiglio Comunale di Scanno ha approvato l’Imposta Unica Comunale (IUC) basata:   1) (IMU), di natura patrimoniale,  escluso la prima casa ; 2)  (TASI) tributo per i servizi indivisibili ; 3)  (TARI)  tassa sui rifiuti.  I contribuenti dovranno dunque pagare, entro il 16 giugno 2014, la prima rata in acconto dell’IMU, con le stesse modalità e con le stesse aliquote già previste per il 2013. La TASI si dovrà pagare dopo l’approvazione da parte del  Consiglio delle delibere da fissare tra  l’1 per mille e il 2,5 per mille, con le stesse modalità di applicazione dell’IMU.  Per la TARI, il regolamento approvato prevede espressamente che, per l’anno 2014, è utilizzato il criterio di determinazione delle tariffe già vigente per l’applicazione della TARSU Anno 2013. Modalità di pagamento: F24 in tre rate scadenti il 16 dei mesi di maggio, luglio e settembre, il modello F24  dovrà essere curato dal Comune. Quindi debbo attendere che il Comune mi invii i modelli F24 per adempiere ai pagamenti. Ovviamente gli uffici terranno conto dei ritardi.  Chiedo : nelle determinazione delle tariffe TASI e TARI le aliquote per le seconde case e non residenti saranno diverse dalle prime case? Quindi maggiorate? Se lo sarà, non  si dovrebbe anche calcolare la minore fruibilità dei servizi e la minore produzione dei rifiuti? Ma forse sono all’oscuro e tutto questo è già previsto. Anni fa a questa domanda mi fu risposto da uno "ma cu c….jete truvenne", da un altro più accorto "non ce la facciamo da soli aiutate a fare meglio". Cordialmente Roberto Farina (Giriamo le domande all'Ufficio Stampa del Comune per le risposte)

 
DALLA REDAZIONE

Informiamo che l'appuntamento del quotidianamente del 26 maggio 2014 non andrà in onda per problemi redazionali, ci scusiamo dell'inconveniente. Vi aggiorniamo sui risultati delle elezioni europee e regionali 2014. Lo scrutinio conferma la tendenza nazionale con la vittoria del PD e del centro sinistra. Nelle europee a Scanno il PD ottiene 371 voti, il Movimento 5 Stelle ottiene 195 voti e Forza Italia ottiene 150 voti. A Villalago il PD ottiene 117 voti, Forza Italia 74 e Movimento 5 Stelle  71. Nelle Regionali a Scanno vince Luciano D'Alfonso con 601 voti, segue Giovanni Chiodi con 155, Sara Marcozzi con 110 e Maurizio Acerbo con 10 voti. A Villalago vince Luciano D'Alfonso con 196 voti, Giovanni Chiodi con 74 voti, Sara Marcozzi con 36 voti e Maurizio Acerbo con 2

 
SCANNO COMUNICATO STAMPA

Scanno. Il Consiglio Comunale approva il Regolamento IMU-TASI-TARI Scade il 16 giugno il versamento della prima rata IMU. Rinviata la TASI. Il Consiglio Comunale di Scanno, nella seduta del 23 maggio 2014, ha approvato il nuovo Regolamento per l’applicazione dell’Imposta Unica Comunale (IUC). La Legge di stabilità 2014  ha disposto l’istituzione dell’imposta unica comunale (IUC), basata su due presupposti impositivi (il possesso di immobili e l’erogazione e la fruizione di servizi comunali) e composta da tre distinte entrate: l’imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, ed una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI) e nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Sebbene la Legge di stabilità 2014 ed il successivo D.L. 16/2014 abbiano mantenuto sostanzialmente immutata la disciplina dell’IMU e della TARES semplificata, introdotta nel 2013, ora sostituita dalla TARI, si è reso necessario procedere alla ridefinizione dei regolamenti dei due tributi, in conformità con le nuove disposizioni normative introdotte dalla Legge di stabilità. I contribuenti dovranno dunque pagare, entro il 16 giugno 2014, la prima rata in acconto dell’IMU, con le stesse modalità e con le stesse aliquote già previste per il 2013. L’IMU prima casa viene definitivamente cancellata, ma rimangono però sempre escluse le abitazioni classificate nelle categorie catastale A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (abitazioni in ville), A/9 (castelli e palazzi di eminenti pregi artistici o storici), per le quali è prevista l’aliquota di 0,50%. Confermate le agevolazioni per due unità immobiliari date in uso gratuito ai figli/genitori residenti, sulla base della dichiarazione già prodotta per il 2013. E’, invece, previsto il rinvio del versamento della nuova TASI (la tassa per i servizi indivisibili), avendo il Consiglio ritenuto opportuno rinviare l’approvazione della delibera per determinare le rate e le aliquote, che dovranno comunque essere fissate tra l’1 per mille e il 2,5 per mille, con le stesse modalità di applicazione dell’IMU. Per la TARI, il regolamento approvato prevede espressamente che, per l’anno 2014, in deroga all’applicazione dei nuovi ai criteri per la commisurazione delle tariffe sulla base della superficie e dei nuclei familiari, è utilizzato il criterio di determinazione delle tariffe già vigente per l’applicazione della TARSU Anno 2013. Sono state previste le modalità di versamento, da effettuarsi con il modello F24, in tre rate scadenti il 16 dei mesi di maggio, luglio e settembre, con invio ai contribuenti dei modelli di pagamento, che dovrà essere curato dal Comune. Alla luce di quanto deliberato dal Consiglio Comunale, per l’anno 2014 non sono previsti, quindi, aumenti per l’IMU e per la TARI (versione TARSU), salva l’applicazione della nuova Imposta TASI, con le aliquote che dovranno ancora essere fissate dal Consiglio Comunale. Scanno, 24 maggio 2014 Ufficio Stampa

 
ULTIMISSIME

Questa sera un brutto incidente, senza conseguenze a persone, ha caratterizzato la serata scanense. Verso le ore 21,30 in Via Domenico Di Rienzo, a 50 mt. dal piazzale della seggiovia, una Fiat Panda 4*4 mentre viaggiava direzione piazzale ha preso fuoco andando completamente distrutta. Nessuna conseguenza per il proprietario N.L. che è riuscito ad uscire dalla macchina prima che essa fosse completamente avvolta dalle fiamme. L'origine delle fiamme può essere ricondotta ad un corto circuito nell'impianto elettrico infatti, ci raccontava il proprietario, la macchina si è spenta e solo allora sono fuoriuscite le fiamme dal cofano motore, dando giusto il tempo di uscire e mettersi in salvo. Dopo essere completamente bruciata, e dopo l'intervento dei Vigili del fuoco, la carcassa della macchina è stata caricata e portata via, sul posto sono rimasti i vigili del fuoco per i rilievi del caso. Tanto spavento e tanto sgomento, ma per fortuna nessun danno a persone. La Redazione 

 
DA ROBERTO FARINA

Ciao Luisito, nel far rivedere le strade del nostro paese, non sarebbe bello avere con te una persona che si soffermasse a far notare angoli, cimmose, stemmi, zuccheleture, o dire qui c'era un falegname, nu scarpare, il dopolavoro etc etc. Molti che ti leggono immagino sono giovani e non sanno di anni fa. Poi se per fare capire meglio si usassero anche i soprannomi, magari con la spiegazione  del perchè si è soprannominati sarebbe il massimo, e si tramanderebbe quella tradizione verbale che altrimenti a poco a poco verrà perduta. Il giochetto che dice Aniceto e se sei di........impazza in buona parte dell'Italia. Qui ad esempio nella zona di Ladispoli e Cerveteri mettono anche foto  dicendo sei di...... se riconosci queste persone. Ciao Roberto

 
<< Inizio < Prec. 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 Succ. > Fine >>

Pagina 314 di 339