Menu Principale
Chi è online
 27 visitatori online
Statistiche
Tot. visite contenuti : 1097872
ARS NOTIZIE - Prima Pagina
ALMANACCO DI VENERDI' 09 GIUGNO 2017

Aniceto sant'antonioBUON VENERDI’ A TUTTI, SIAMO AL 9 GIUGNO SI FESTEGGIA SAN EFREM.

LA PILLOLA : “PENTOLA SCOPERCHIATA, NON BOLLE IN UNA GIORNATA”.

TEMPO BELLO ANCHE OGGI, CIELO SGOMBRO DA NUVOLE E SOLE, LE TEMPERATURE RESTANO NELLA MEDIA DEL PERIODO.

SCANNO SI PREPARA AD APRIRE LE FESTE PATRONALI, SABATO E DOMENICA SI TERRANNO I FESTEGGIAMENTI IN ONORE DI SANT’ANTONIO. SI APRE UFFICIALMENTE L’ESTATE E RICORDATE IL DETTO “SANT’ANTONIO I RITIRA”.

PER LA PAGINA DEGLI AUGURI BUON TERZO COMPLEANNO A THOMAS DELFINO, AUGURI ALLA NUOVA MAGGIORENNE ELEONORA TARULLO, AUGURI A CARMELITA SILLA, A MARCO GASCOGNE COSENZA, ED A ROMA AUGURI A CRISTIANA RIONDINO.

VI AUGURIAMO UNA BUONA GIORNATA A TUTTI

 
DAL COMUNE DI SCANNO

ComunePASSABORGO 2017 - Comunicazione rivolta a tutte le attività economiche

Il 2017 è stato dichiarato l'anno dei Borghi. 

Il Comune di Scanno, al fine di promuovere e valorizzare le proprie potenzialità turistiche, ha aderito al progetto "Borghi, Viaggio Italiano" e all'iniziativa "Passaborgo".

Gli operatori economici di Scanno possono aderire a "Passaborgo" proponendo dei piccoli vantaggi ai vari visitatori (sconti vari sull'utilizzo delle strutture e sull'acquisto di oggettistica, offerte di soggiorno, menù dedicati e specifici).

 L'adesione va comunicata entro e non oltre il 12 giugno 2017 al seguente indirizzo mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
LE AUTOSTRADE ABRUZZESI

Autostrada, Roma PescaraStrada dei Parchi, in arrivo risorse per la messa in sicurezza

Lo ha annunciato stamani il deputato abruzzese Gianni Melilla spiegando che il Governo ha già presentato apposito emendamento alla Commissione Bilancio sul Decreto alla cosiddetta “manovrina”.

La Strada dei Parchi spa, concessionaria delle autostrade A24 e A25 che collegano l’Abruzzo a Roma, avrà le risorse necessarie per gli interventi per la messa in sicurezza di viadotti, gallerie e ulteriori opere. Lo annuncia, in una nota, il Deputato e Capogruppo in Commissione Bilancio della Camera dei DeputatiGianni Melilla.

 “E’ stato infatti presentato – spiega Melilla – un emendamento dal Governo alla Commissione Bilancio della Camera sul decreto riguardante la cosiddetta manovrina economica. L’emendamento sospende il pagamento da parte della concessionaria Strada dei Parchi spa al concedente delle rate 2015 e 2016 di 55.860,00 euro ad anno per un totale di 111.720.000 euroche saranno destinati, alla luce degli eventi sismici ad interventi urgenti, per la messa in sicurezza della infrastruttura.

La suddetta somma sara restituita al concedente in 3 rate di 37.240.000 con scadenza 31 marzo 2029, 2030 e 2031.“Si tratta di una scelta necessaria, anche se tardiva, che ho ripetutamente sollecitato con varie iniziative parlamentari, stante l’assoluta urgenza degli interventi per la messa in sicurezza di viadotti, gallerie e impianti vari delle autostrade A24 e A25, prima che possano accadere disgrazie e  incidenti – conclude il Deputato – L’investimento di quasi 112 milioni di euro avrà anche una ricaduta positiva sull’occupazione e sul settore delle costruzioni. Una buona notizia per l’economia abruzzese e laziale”. (da Corriere Peligno.it)

 
ALMANACCO DI GIOVEDI' 08 GIUGNO 2017

SeggioviaBUONGIORNO A TUTTI IN QUESTO GIOVEDI’ 08 GIUGNO, SI FESTEGGIA SAN MEDARDO.

LA PILLOLA : “E’ CON LE PROPRIE PAROLE CHE SI ENTRA NEI PENSIERI ALTRUI.

GIORNATA BELLA CON SOLE E QUALCHE NUVOLA SPECIALMENTE NEL POMERIGGIO. LE TEMPERATURE RESTANO STABILI NEL PERIODO.

CI SARA’ QUESTA MATTINA LA VENDITA SENZA INCANTO DEI BENI EX VALLE ORSARA DEL BACINO DI MONTEROTONDO. IL PREZZO A BASE D’ASTA FISSATO E’ DI €. 534.825,44 CON L’OFFERTA MINIMA IN AUMENTO DI €. 10.000,00. APPUNTAMENTO PRESSO IL TRIBUNALE DI SULMONA ALLE ORE 9,15. ASSISTEREMO ALL’ENNESIMA ASTA DESERTA ???

PER LA PAGINA DEGLI AUGURI BUON COMPLEANNO AD ANTONIO JEAMS LANCIONE, POI A COMO PER GLI AUGURI A VERA GIANSANTE, A ROMA AUGURI A TIZIANA CARBONE, A GENOVA AUGURI A RITA SIVORI CIARLETTA ED INFINE IN GERMANIA AUGURI A SILVERIO COSENZA.

VI AUGURIAMO UNA BUONA GIORNATA A TUTTI

 
COMUNICATO STAMPA COMUNE

Comune scannoSulla questione Lago di Scanno Il Comune di Scanno scrive al Presidente della III Commissione Permanente (Agricoltura e Foreste) della Regione Abruzzo dott. Lorenzo Berardinetti per definire i diritti vantati dai Comuni di Scanno e Villalago sul Lago di Scanno.

La legge Regionale 27 aprile 2017 n. 28, recante “Gestione della fauna ittica e disciplina della pesca nelle acque interne”, prevede all’articolo 36 (Disposizioni relative al lago di Scanno) che “Le disposizioni di cui alla presente legge, in virtù del regio decreto 25 settembre 1910, pubblicato nella G.U. n. 280 del 2 dicembre 1910, non trovano applicazione per le acque del lago di Scanno (AQ)”.

Con nota prot. 3263 del 7 giugno 2017, il Comune di Scanno ha scritto al dott. Lorenzo Berardinetti, Presidente della III Commissione Permanente della Regione, che si occupa di Agricoltura e Foreste, nonché di Caccia e Pesca, per rappresentare l’esigenza prioritaria che la Regione Abruzzo emani il provvedimento amministrativo di propria competenza di omologazione della Conciliazione sottoscritta nel 1939 tra i Comuni di Scanno e Villalago.

Soffermando brevemente l’attenzione sulla natura giuridica del Lago di Scanno, nella nota è stato evidenziato che nel Catasto Provvisorio Napoleonico, redatto il 2 agosto 1813, il Comune di Scanno, nella descrizione della natura delle colture e delle proprietà, era indicato come proprietario di “Metà di un Lago da pesca”.

Con R. Decreto 7 maggio 1899, emanato in base all’art. 25 della legge 10 agosto 1884, n. 2644, veniva approvato l’elenco delle acque pubbliche per la provincia di Aquila, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 31 agosto 1899, n. 203.

Su ricorso dei due Comuni, con Sentenza del Tribunale di Sulmona 12 – 28 agosto 1905, emessa nella causa civile tra i Comuni di Scanno e Villalago da una parte ed i Ministeri dei Lavori Pubblici e delle Finanze dall’altra, il lago venne dichiarato “bene di uso pubblico dei due accennati Comuni”. Tale decisione fu confermata dalla Corte di Appello di L’Aquila, con Sentenza 18 – 24 dicembre 1908.

All’esito del contenzioso definito con sentenza passata in giudicato, su istanza dei due Comuni, il Re d’Italia, Vittorio Emanuele III, con Decreto Reale 25 settembre 1910 radiò “Dall’elenco delle acque pubbliche per la provincia di Aquila … il lago di Scanno, iscritto al n. 222 dell’elenco stesso”.

È lo stesso decreto regio indicato nell’articolo 36 della recente legge regionale 27 aprile 2017, n. 28, che ha consentito al Consiglio Regionale di escludere il Lago di Scanno dalla regolamentazione regionale sulla pesca nelle acque interne, sebbene sul sito della Regione Abruzzo, nell’elenco delle acque pubbliche della Provincia di L’Aquila, è ancora inserito al n. 222 il Lago di Scanno.

Il Comune di Scanno ritiene che sul punto assume particolare rilevanza la Sentenza 27 gennaio 1984 rep. n. 4, emessa dal Commissario per la liquidazione degli Usi Civici in Abruzzo nella vertenza demaniale per il regolamento dei confini tra i due Comuni, iscritta al n. 20 del ruolo generale dell’anno 1925.

Il Commissario per la liquidazione degli Usi Civici dichiarava “cessata la materia del contendere” tra i due Comuni, la cui vertenza di confinazione era sorta tra il 1809 ed il 1816, ordinando ai propri uffici amministrativi di trasmettere gli atti al competente ufficio della Regione Abruzzo, per l’emanazione del provvedimento di omologazione della conciliazione raggiunta tra i due Enti con il verbale del 29 luglio 1939 rep. n. 30 cron. n. 174 “alla presenza del Commissario per la liquidazione degli Usi Civici dell’epoca e del Geom. Angelo Sidoni istruttore demaniale”.

In passato, i due Comuni, con deliberazioni podestarili in data 12 aprile 1940 (per Villalago) e 13 aprile 1940, n. 24 (per Scanno), approvarono la conciliazione raggiunta con il verbale del 1939, che la Giunta Provinciale Amministrativa ratificò nella seduta del 16 agosto 1940, per il successivo inoltro al Ministero dell’Agricoltura e delle Foreste, che avrebbe dovuto provvedere alla prescritta omologazione della conciliazione.

La trasmissione degli atti alla Regione Abruzzo, disposta con la sentenza del 1984 dal Commissario per la liquidazione degli Usi Civici, si rendeva necessaria perché con l’entrata in vigore del D.P.R. 24 luglio 1977, n. 616, in base agli articoli 66 e 111 della Costituzione, la Regione Abruzzo aveva assunto la delega con i poteri omologativi prima spettanti al Ministero (che non aveva mai omologato la conciliazione) e le funzioni amministrative dei Commissariati agli Usi Civici.

Spetta, quindi, alla Regione Abruzzo approvare il definitivo provvedimento amministrativo di omologazione della Conciliazione sottoscritta nel 1939 tra i Comuni di Scanno e Villalago, che consente ai due Comuni di approvare un regolamento congiunto per la gestione della fauna ittica e per la disciplina della pesca nelle acque lacustri.

Non va trascurato che il Tribunale di Sulmona, osservando che l’allora articolo 427 del Codice Civile, “in materia di acque dichiara che i fiumi ed i torrenti fanno parte del Demanio Nazionale. I laghi non sono compresi tra le acque demaniali, …”, dichiarava che “il lago costituiva senza dubbio un demanio comunale, … e, abolita la feudalità, restò ai Comuni ai quali apparteneva e che in seguito se lo divisero”.

Scanno, 7 giugno 2017

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 339