Menu Principale
Chi è online
 16 visitatori online
Statistiche
Tot. visite contenuti : 1049216
ARS NOTIZIE - Prima Pagina
FABBRICATI RURALI

RuraleFabbricati rurali censiti al Catasto Terreni da dichiarare al Catasto Edilizio Urbano (art. 13, commi 14-ter e 14-quater, del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201).

Il decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, ha previsto, all’art. 13, commi 14-ter e 14-quater, l’obbligo di dichiarare al Catasto Edilizio Urbano, entro il 30 novembre 2012, i fabbricati rurali censiti al Catasto Terreni.

L’Agenzia delle Entrate ha avviato una verifica relativamente ai suddetti immobili e, nei casi in cui non sia già stata inoltrata la richiesta di regolarizzazione, curerà il previsto iter finalizzato all’aggiornamento catastale, ove necessario, in sostituzione del soggetto inadempiente, applicando le sanzioni previste dalla legge, comprese tra un minimo di euro 1.032,00 ed un massimo di euro 8.264,00.
Qualora invece il possessore proceda autonomamente all’iscrizione dei fabbricati rurali in Catasto Urbano, potrà beneficiare dell’istituto del ravvedimento operoso, con un notevole risparmio sulle sanzioni che, considerato il tempo già trascorso dal termine di legge per l’adempimento, si riducono a 1/6 dell’importo minimo sopra indicato.

Si precisa che sono esclusi dal suddetto obbligo gli immobili che non costituiscono oggetto di inventariazione ai sensi dell’art. 3, comma 3 del Decreto del Ministero delle Finanze 2 gennaio 1998, n. 28 e quelli ricadenti nei seguenti casi:

- ruderi (immobili che presentano crolli delle strutture orizzontali e/o verticali il cui recupero prevede la totale demolizione), per i quali il possessore potrà presentare apposito modello 26 per l’aggiornamento al Catasto Terreni;

- immobili collabenti (fabbricati attualmente inagibili, ma recuperabili con interventi di straordinaria manutenzione o ristrutturazione), i quali potranno essere facoltativamente dichiarati al Catasto Fabbricati come “Unità Collabenti” (categoria F2) mediante dichiarazione Docfa redatta da un tecnico libero professionista

 
ALMANACCO DI GIOVEDI' 30 MARZO 2017

30.03SIAMO A META’ SETTIMANA CON L’ALMANACCO DI GIOVEDI’ 30 MARZO SI FESTEGGIA SAN SECONDO.

LA PILLOLA : “MIGLIORE DIVERRAI, SE ALLA MORTE PENSERAI”.

OGGI AVREMO UNA GIORNATA TUTTO SOLE PER UN PERIODO CHE STA’ ANTICIPANDO LA FIORITURA DEGLI ALBERI ED IL RISVEGLIO DELLA NATURA. LE TEMPERATURE RESTANO NELLA MEDIA DEL PERIODO.

COME DICEVAMO NEL METEO QUESTO CALDO STA’ PRODUCENDO LA FIORITURA DEGLI ALBERI ED IL RISVEGLIO IN GENERALE DELLA NATURA. RICORDATE L’ANNO SCORSO ? CALDO FUORI STAGIONE A FEBBRAIO E MARZO E POI APRILE E MAGGIO FREDDI, AL PUNTO CHE IL PROCESSO DELLA NATURA FU GELATO CON GRAVI DANNI ALLE COLTURE ED AI FRUTTI. SPERIAMO DI NON RICAPITARCI ANCHE QUEST’ANNO E CHE LA NATURA FACCIA IL SUO CORSO, ANCHE SE LE STAGIONI CLIMATICHE SEMBRANO ESSERE UN PO’ DIVERSE DAL SECOLO SCORSO.

PER LA PAGINA DEGLI AUGURI, BUON SECONDO COMPLEANNOA GAIA PETROCCO, AUGURI A MARIA ASSUNTA DI DOMIZIO, A MARIANO PAOLI ED A ROMA AUGURI AD ETTORE PICCHI.

VI AUGURIAMO UNA BUONA GIORNATA A TUTTI ED APPUNTAMENTO AL QUOTIDIANAMENTE DI QUESTA SERA

 
LE GOLE DEL SAGITTARIO

Canyon10 Canyon che non pensavi fossero in Italia

L’Italia, conosciuta come il Paese del Sole e del Mare, è anche un immenso Parco, nel quale ogni tanto ognuno di noi dovrebbe perdersi, per scoprire i paradisi naturali che essa cela.

Sapevate che in Italia ci sono luoghi che ricordano i cosiddetti Canyon?… che nel nostro immaginario collettivo, pensavamo esistessero solo in America. Non è così, infatti, addentrandoci più scrupolosamente sul nostro territorio, si può constatare come davvero anche noi possediamo tali paesaggi…basta allontanarsi dalle vie più trafficate ed eccoli lì, che svettano maestosi.

Negli ultimi anni tra l’altro per gli amanti dell’avventura si è diffusa la moda del canyoning, che permette agli appassionati di seguire torrenti fra tuffi e scalate, lungo le cascate e i canyon che descrivono il percorso, accompagnati da guide professioniste.

Tali esperienze consentono di vivere la natura sotto un diverso punto di vista, in un ambiente primordiale e selvaggio.

Ma ora vediamo dove questi luoghi davvero suggestivi si “nascondono”!

Le Gole del Sagittario (L’Aquila-Abruzzo)

Le Gole del Sagittario, nell’Ottocento, definite “paurose e belle” dagli inglesi Richard Keppel Craven e Edward Lear, furono inserite nel loro Grand Tour, rendendole così note a molti altri viaggiatori dell’epoca.

Il canyon, vero e proprio scrigno della natura, è il risultato dell’azione di dilavamento svolta nei secoli dalle impetuose acque del fiume Sagittario attraverso imponenti strati di roccia calcarea.
La riserva naturale della Gola si trova nel comune di Anversa degli Abruzzi e presenta una flora ricca e diversificata (salici, pioppi, faggi, ecc.) e una fauna che comprende tutti i principali mammiferi del Parco Nazionale d’Abruzzo (orso bruno marsicano, lupo, cervo, ecc.). Tra le diverse specie di uccelli presenti nel parco, il merlo acquaiolo è il simbolo della riserva.

I sentieri a piedi sono ben tematizzati e possono essere percorsi anche con un accompagnatore qualificato. Sono praticabili anche un sentiero naturalistico per disabili e un percorso vita. Nei pressi delle sorgenti del Cavuto sono stati realizzati un’area picnic attrezzata e un museo dedicato all’ambiente delle gole, ricavato all’interno di un vecchio mulino recuperato. Da qui parte anche un sentiero CAI che porta al paese di Castrovalva.

Ad Anversa degli Abruzzi (AQ), se si vuole pernottare in questi luoghi meravigliosi, si trova il bioagriturismo La Porta dei Parchi, che offre sistemazione in un casale con vista sulle Gole del Sagittario, di fronte alla catena montuosa della Majella, ma anche miniappartamenti, piazzole con camper e posti tenda. Si possono acquistare gli ottimi formaggi lavorati dall’azienda, assaggiarli al ristorante, oppure “adottare una pecora” e ricevere a casa i suoi prodotti. (di Emanuele Benigni)

 
ALMANACCO DI MERCOLEDI' 29 MARZO 2017

29.03BUONGIORNO A TUTTI, APPUNTAMENTO MATTUTINO DI MERCOLEDI’ 29 MARZO SI FESTEGGIA SAN MARCO.

LA PILLOLA : “IL MIGLIOR PODERE E’ UN BUON MESTIERE”.

ANCHE OGGI GIORNATA DI SOLE ED ARIA MITE DOPO LE GELATE NOTTURNE, TEMPERATURE STABILI CON MINIME INTORNO ALLO ZERO.

IERI SERA IL CONSIGLIO COMUNALE A SCANNO CON UN LUNGO ORDINE DEL GIORNO DURATO PIU’ DI TRE ORE. IL PUNTO PIU’ DISCUSSO E’ STATO SENZ’ALTRO QUELLO DELLA PROPOSTA DELLA EDIL G.M. SRL E LA ALIENAZIONE DI UN TERRENO AL LAGO OCCUPATO DA UN FABBRICATO (VILLA DI THOMAS). FORTE LA TENTAZIONE DI DIRE NO ALL'ALIENAZIONE VISTO CHE STIAMO PARLANDO DI TERRENO A RIDOSSO DEL LAGO, MA ANCHE LA CONSAPEVOLEZZA DI CERCARE DI SANARE UNA SITUAZIONE CHE ESISTE DAI PRIMI ANNI 50. OLTRE UN’ORA DI DISCUSSIONE, UNA SOSPENSIONE DI 15 MINUTI, UNA PROPOSTA DI RINVIARE IL PUNTO, PER ARRIVARE AD UNA VOTAZIONE SPACCATA, A FAVORE DEL RINVIO 4 CONSIGLIERI (SPACONE, SILLA , FUSCO E SILVANI) UNO CONTRARIO (NANNARONE) ED UN ASTENUTO (PIETRANTONI).

PER LA PAGINA DEGLI AUGURI BUON COMPLEANNO A CRISTINA TARULLO ED A VILLALAGO AUGURI AD ELISABETTA CARANFA E AD ANNAMARIA DI IANNI.

UNA BUONA GIORNATA A TUTTI ED APPUNTAMENTO AL QUOTIDIANAMENTE DI QUESTA SERA

 
NUOVA CITTADINA AD ANVERSA

AnversanaFESTA IN COMUNE AD ANVERSA PER UNA NUOVA CITTADINA ITALIANA.

Nuova cittadina italiana in Anversa degli Abruzzi che conferma il suo significativo primato di paese dell’accoglienza. Infatti davanti al sindaco Gianni Di Cesare la tunisina Oiudad Aissa ha giurato fedeltà alla Costituzione e alle leggi italiane, diventando “pleno iure” cittadina italiana. 

Oiudad dal 2005, insieme al marito, anche lui originario della Tunisia, vive ad Anversa e fin dai primi mesi di residenza nel paese della Valle Sagittario la donna ha deciso di acquisire la cittadinanza italiana, trovandosi a suo agio tra la gente di Anversa, dal primo momento.

“Mi hanno accolta subito con simpatia e rispetto – ha detto Oiudad – questo è stato tra i motivi che mi hanno spinto a chiedere la cittadinanza italiana e oggi quel sogno l’ho realizzato”.

Trascorsi i tempi prescritti dalle norme Oiudad ha acquisito il pieno diritto a diventare cittadina italiana e l’11 marzo scorso il sindaco Di Cesare, pronunciando la formula di rito, nell’aula consiliare del Comune, ha riconosciuto ufficialmente Oiudad Aissa nuova cittadina italiana ed anversana.

Un applauso e le felicitazioni dei nuovi concittadini di Oiudad hanno accolto la conclusione della breve cerimonia nell’aula consiliare. (da Rete Abruzzo.com)

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 10 di 315